Winwaste.Net - Software di Gestione Rifiuti
Mostriamo passo passo a che punto siamo con l'interoperabilità Winwaste.Net - R.E.N.T.Ri.
Interoperabilità di Winwaste.Net con VI.VI.FIR di Ecocerved
WinGap - una finestra aperta su Winwaste.NET
Interoperabilità di Winwaste.Net con l'Albo gestori Ambientali
MyPDF - Modulo di Winwaste.Net per la scansione di documenti durante la registrazione
Fatturazione elettronica tra privati - integrazione tra WINWASTE.NET e DIGITAL HUB Zucchetti
Corsi di Formazione
Consulenza Ambientale
Nuova promozione "Presentaci un amico"

 

  logo

 

01/09/2021

Modifiche al D.Lgs. n. 152/2006 a seguito della conversione in legge del DL 77 del 31/05/2021, in vigore dal 31 luglio 2021.

Sulla Gazzetta Ufficiale del 30 luglio 2021, n. 181 è stata pubblicata la Legge di conversione n. 108 del 29 luglio 2021 che ha apportato modifiche al Decreto Legge n. 77 del 31 maggio 2021.

Le novità principali sono:

1) - Manutenzione reti fognarie e fosse settiche:

 

I rifiuti provenienti dalle attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie di qualsiasi tipologia, sia pubbliche che asservite ad edifici privati, compresi le fosse settiche e manufatti analoghi nonché i sistemi individuali di cui all’articolo 100 comma 3 (insediamenti, installazioni o edifici isolati che producono acque reflue domestiche), e i bagni mobili (classificati con i codici EER 20.03.04 e 20.03. 06), si considerano prodotti dal soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva.

La raccolta e il trasporto sono accompagnati da un unico documento di trasporto per automezzo e percorso di raccolta, il cui modello dovrà essere adottato entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione (28 settembre 2021). In attesa dell'adozione del nuovo modello, si continua ad utilizzare il Formulario di Identificazione del Rifiuto.

Tali rifiuti possono essere conferiti direttamente a impianti di smaltimento o di recupero o, in alternativa, essere raggruppati temporaneamente presso la sede o unità locale del soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva, nel rispetto delle condizioni di cui all’articolo 183, comma 1, lettera bb (deposito temporaneo). Il soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva è comunque tenuto all’iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali, ai sensi dell’articolo 212, comma 5, del presente decreto, per lo svolgimento delle attività di raccolta e di trasporto di rifiuti, e all’iscrizione all’Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di cui all’articolo 1 della legge 6 giugno 1974, n. 298.

In tal caso il trasferimento dal luogo di produzione alla propria sede potrà avvenire con formulario o, in alternativa, con documento di trasporto (DDT) attestante il luogo di effettiva produzione, tipologia e quantità dei materiali, il numero di colli o una stima del peso o volume e il luogo di destinazione.

Riteniamo che lo spurghista debba adottare un registro di carico e scarico rifiuti in qualità di produttore, su cui registrerà in due tempi, prima il carico da produzione, indicando nella quarta colonna il luogo di produzione e l’attività svolta (pulizia manutentiva), e poi lo scarico avvenuto con formulario. Si ritiene anche che la registrazione sul registro di trasporto non sia necessaria, in virtù di quanto previsto dalla Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98 comma 2 lettera k (i soggetti sottoposti all'obbligo dei registri di carico e scarico possono tenere un solo registro per le diverse attività indicate al punto 2, dell'allegato A-1, al decreto ministeriale n.148/1998).

 

2) - Attestazione avvenuto smaltimento:

Abolizione dell’obbligo di rilascio dell’attestazione di avvio a smaltimento da parte dei soggetti autorizzati alle operazioni D13, D14 e D15 con attribuzione ai medesimi della responsabilità per il corretto smaltimento dei rifiuti.

c) all’articolo 188, comma 5, il primo periodo è sostituito dal seguente: «Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni intermedie di smaltimento, quali il raggruppamento, il ricondizionamento e il deposito preliminare di cui ai punti D13, D14, D15 dell’allegato B alla parte quarta del presente decreto, la responsabilità per il corretto smaltimento dei rifiuti è attribuita al soggetto che effettua dette operazioni»

 

 

CLICCA QUI PER SCARICARE LA GAZZETTA UFFICIALE N.181 DEL 30/07/21

 

 

 

spz20